Le indicazioni principali

Nome manifestazione:    Gran Fondo Internazionale FELICE GIMONDI Bianchi

Data: 15 maggio 2016

Località: Bergamo

Edizione: 20a edizione

Sito internet: www.FeliceGimondi.com

E-mail: info@felicegimondi.it

Percorsi: 3; percorso da 162.1 km; percorso da 128.8 km; percorso da 89.4 km

Dislivelli:
percorso da 162.1 km: 2.479 m di dislivello per 48,8 km di salita. (Dislivello totale: 3.050 m)
percorso da 128.8 km: 1.623 m di dislivello per 33,4 km di salita. (Dislivello totale: 2.100 m)
percorso da 89.4 km: 1.209 m di dislivello per 23,1 km di salita. (Dislivello totale: 1.400 m)

Partenza: ore 7.00 – Via Marzabotto (Stadio Comunale di Bergamo)

Arrivo:
ore 9.30 percorso da 89.4 km  / ore 10.40 percorso da 128.8 km / ore 11.45 percorso da 162.1 km
Via Marzabotto (Stadio Comunale di Bergamo)

Cronometraggio: TDS – transponder attivo (“chip”)

Apertura iscrizioni: lunedì 9 novembre 2015

Chiusura iscrizioni: venerdì 22 aprile 2016

Consegna numero gara: 
presso l’ ExpoGimondi – “Lazzaretto” Stadio Comunale di Bergamo;
Sabato 14 maggio dalle 9.00 al 20.00.

Composizione Griglie:
alla prima griglia hanno diritto tutte le donne, gli ospiti del comitato organizzatore, i 36 Puntuali, i primi 100 classificati del percorso da 162,1 km, i primi 50 del percorso da 128,8. km e i primi 25 del percorso da 89.4 km della Gran Fondo Internazionale Felice Gimondi Bianchi 2015 (regolarmente iscritti entro venerdì 22 aprile 2016). Le successive griglie terranno conto esclusivamente della data di iscrizione. Viene garantita, a tutti gli aventi diritto, la prima griglia di partenza se regolarmente iscritti entro il termine stabilito (venerdì 22 aprile 2016). Qualora il Comitato Organizzatore prorogasse le iscrizioni gli iscritti verranno inseriti solo ed esclusivamente in ordine di data d’iscrizione.

ExpoGimondi:
sede dell’ExpoGimondi: Lazzaretto – Stadio Comunale – Bergamo
Orario per il pubblico: Sabato 14 maggio 2016 dalle ore 9.00 alle ore 20.00
Domenica 15 maggio 2016 dalle ore 09.00 alle ore 16.00.
Ingresso libero

Come si arriva:
Bergamo si trova sulle principali direttrici del traffico europeo. Arrivarci è comodo e semplice utilizzando la rete
ferroviaria, quella autostradale o l’aereo.
In auto: A4 Milano-Venezia uscita Bergamo, direzione Stadio Comunale. In Treno: sulla linea Milano-Bergamo (treni ogni ora circa); ogni giorno un Eurostar da Roma (Stazione Termini ore 16.40) e per Roma (Bergamo ore 6.40) collega il centro dell’Italia. In pullman: da Milano (piazzale Cadorna) parte ogni 30 minuti un bus dell’Autostradale per la stazione ferroviaria di Bergamo. In aereo:numerosi voli collegano quotidianamente l’Aeroporto di Orio al Serio (3 km dalla partenza). Dall’aeroporto, un servizio navetta (da lunedì a sabato: dalle 5,30 alle 22,30, ogni 30 minuti, tariffa € 2) porta direttamente alla stazione FS di Bergamo.
Altri Aeroporti: Milano Malpensa (90Km), Milano Linate (40 km), Montichiari (50km)

INDICAZIONI PERCORSO

Percorso da 162,1 km

Chilometraggio: 162.1 km
Dislivello: 2.479 m
Grado di difficoltà: 2a categoria
Chilometri di salita: 48.8 km totali
Salita più lunga: Selvino
Pendenza massima: 10,0%
Salite più importanti: Colle dei Pasta, Colle Gallo, Selvino, Forcella di Bura, Costa Vall’Imagna

Percorso da 128,8 km

Chilometraggio: 128.8 km
Dislivello: 1.623 m
Grado di difficoltà: 2a categoria
Chilometri di salita: 33.4 km totali
Salita più lunga: Selvino
Pendenza massima: 10,0%
Salite più importanti: Colle dei Pasta, Colle Gallo, Selvino, Forcella di Bura

Percorso da 89,4 km

Chilometraggio: 89.4 km
Dislivello: 1.209m
Grado di difficoltà: 2a categoria
Chilometri di salita: 23.1 km totali
Salita più lunga: Selvino
Pendenza massima: 10,0%
Salite più importanti: Colle dei Pasta, Colle Gallo, Selvino

Tutte le Salite:

  • Colle dei Pasta: lunghezza 3.4 km – dislivello 143 m – Pendenza media 4.2% – Pendenza max 12%
  • Colle del Gallo: lunghezza 7.5 km – dislivello 445 m – Pendenza media 6.0% – Pendenza max 12%
  • Costa d’Olda: lunghezza 10.3 km – dislivello 414 m – Pendenza media 4.0% – Pendenza max 10%
  • Forc. di Berbenno: lunghezza 6.4 km – dislivello 257 m – Pendenza media 4.0% – Pendenza max 12%
  • Costa Valle Imagna:lunghezza 9.0 km – dislivello 599 m – Pendenza media 6.7% – Pendenza max 12%

Salita più lunga:

SELVINO – Salita regolarissima, senza impennate ma anche senza un metro di falsopiano. Il segreto sta nel trovare subito la cadenza ed il giusto rapporto. Poi si può andare tranquilli sino alla cima, perché la salita non richiede variazioni di ritmo. E’ fondamentale non forzare: si corre il rischio di pagare alla distanza. Il 39×19/20 può essere sufficiente. Grandi panorami e 19 tornanti! Dislivello 621 metri, lunghezza 12,2 km, pendenza media 5,1 %, pendenza massima 10,0 %.

Salite più importanti:

COLLE GALLO – La  parte iniziale subito dopo Gaverina Terme è la più impegnativa, con un paio di tornanti che sfiorano il 9 %. Poi  fino  alla cima , anche se la pendenza ha una lieve flessione, non ci sono più possibilità di recupero. Rapporti 39×21/23. Dislivello 426 metri, lunghezza 7,5 chilometri, pendenza media 5,7 per cento, pendenza massima 8,4 %.

FORCELLA DI BURA – Salita di 3a categoria, abbordabile, ma che in vista delle ultime due scalate merita di essere affrontata a “tavoletta”. Si possono spingere rapporti lunghi perché la pendenza supera raramente il 5 per cento. Attenzione però a non farsi trarre in inganno perché dopo Olda, percorso un tratto in discesa di un paio di chilometri, la strada torna a salire per altri 8 chilometri sino al Valico di Val Taleggio, più noto come Forcella di Bura. Le pendenze sono modeste ma c’è un tratto al 6/7 % all’ingresso di Costa dOlda. Sino Olda si può spingere il 39×16. Dislivello totale 613 metri, lunghezza complessiva 20,4 chilometri, pendenza media 4,5 %, pendenza massima 7 %.

COSTA VALLE IMAGNA – Posta a fine percorso, quando la stanchezza affiora, può rilevarsi un osso duro, anche se le pendenze non sono proibitive. I tratti più impegnativi si trovano prima di Valsecca  e negli ultimi tre chilometri, ma le punte restano sempre sotto il 10 %. Dopo 130 chilometri può essere necessario inserire un paio di denti in più, arrivando anche la 39×24. Dislivello 599 metri, lunghezza 9,0 chilometri, pendenza media 6,7 %, pendenza massima 12,0 %.

INDICAZIONI VARIE

Tassa di iscrizione: Euro 32,00.
La quota comprende: numero gara dorsale e frontale, magazine/programma, e materiali  informativi,  quota associativa, servizio di cronometraggio, noleggio del Chip di Cronometraggio TDS, medaglia ricordo (consegnata all’arrivo), diploma di partecipazione (personalizzazione direttamente dal sito ufficiale), Borraccia e integratori Bracco Friliver Sport, Confezione Pasta , bottiglietta Acqua, buono pasta party, buono agevolato pasta party accompagnatore, assistenza medica, assistenza meccanica (esclusi pezzi di ricambio), massaggi, rifornimenti, docce, ristoro finale, parcheggio bici arrivo, spedizione risultati tramite Sms ed e-mail. Inoltre a tutte le donne prodotti bellezza e benessere.

Euro 65,00.
La quota comprende oltre alla specifica sopra elencata: maglia tessuto energy, manica corta, lampo corta, design esclusivo “20 Years Anniversary” la ventesima della serie “Felice Gimondi” da prenotare tramite modulo di iscrizione.

Modalità d’Iscrizione: si possono fare direttamente presso la Segreteria della Gran Fondo Internazionale Felice Gimondi  in Via G. Da Campione, 24/c -24124 Bergamo. – oppure:

  • Bonifico bancario – IBAN IT 53U05034 11121 000000026564 – intestato a G.M.S. c/o Credito Bergamasco  Largo Porta Nuova, 24122 Bergamo.
  • Online con carta di credito sul sito ufficiale: www.felicegimondi.com

Il pre-gara: expoGimondi: sport, tempo libero e turismo, Nutella Party, Assistenza Meccanica.

Servizi in gara: 

  • infopoint
  • 10 assistenze meccaniche fisse (ogni 15 chilometri)
  • 5 assistenze meccaniche mobili
  • 5 ristori/rifornimenti

Il dopo gara:

  • Pasta Party
  • Area Hospitality per sponsor, stampa e guest
  • Expo Gimondi
  • Attestato di Partecipazione da stampare con proprio nominativo classifica e tempo finale.
  • Premio alle  prime 5 società  con il maggior numero di iscritti (iscrizione cumulativa).
  • Pacco gara speciale a tutte le donne con prodotti di bellezza e benessere.
  • Messaggio SMS con il tempo e il piazzamento finale.

Da vedere in zona:
basta conoscere Bergamo e i suoi abitanti per comprendere l’amore di questa terra per l’arte e la cultura. Amore che
ben si riflette nei numerosi musei sparsi per la città e la provincia e nelle incalcolabili testimonianze artistiche
disseminate su tutto il territorio. In città, all’Accademia Carrara si possono ammirare gli inestimabili dipinti di
Raffaello, Tiziano, Botticelli, Mantegna, Tiepolo e altri grandi maestri della pittura italiana e straniera, e scoprire le
opere più significative della pittura bergamasca, da Palma il Vecchio a Baschenis, da Moroni a Fra’ Galgario; nel museo dedicato al maestro Gaetano Donizetti, è possibile ritrovare i ricordi e le testimonianze del grande musicista e ripercorrere la sua vita, mentre, un po’ ovunque, in città e in provincia, si trovano le opere di Lorenzo Lotto: le tarsie di Santa Maria Maggiore, il polittico della chiesa dei SS. Vincenzo e Alessandro a Ponteranica e gli affreschi di villa Suardi a Trescore Balneario senza dimenticare le suggestive testimonianze dell’architettura romanica della Valle Imagna.  Un viaggio nella Bergamo artistica che certo non deluderà i visitatori.

La cucina tipica: 
la cucina bergamasca è forse la cucina di Lombardia più trascurata dalla manualistica gastronomica. Fortemente influenzata dalla gastronomia veneta, questa cucina ha una sua peculiarità che si esprime in piatti semplici e vigorosi. Del resto la bergamasca è sempre stata una terra povera, dunque gli abitanti avevano a disposizione solo i prodotti più elementari della terra per le loro divagazioni culinarie. Piatti tipicamente bergamaschi sono i “casonsei”, grossi ravioli di mollica di pane, salsiccia e grana, conditi con burro fuso e naturalmente la celeberrima “polenta e osei”, polenta con uccelletti passati in padella, definita da un poeta “il cibo degli dei”; e la polenta taragna, polenta concia con formaggio Branzi, servita da sola o accompagnata con salsicce o mortadella di fegato. Tra i pesci, vengono cucinati con particolare cura trote e carpioni, sardine alla griglia, alborelle o “aole” fritte o “in saor”. Mentre tra i dolci, la specialità più conosciuta è senz’altro la polenta e uccelli, una cupola di pan di Spagna ricoperta da zucchero e farina di mais e sormontata da minuscoli uccelletti di cioccolata.

Informazioni:
Per informazioni generali sulla 20a Gran Fondo Internazionale Felice Gimondi Bianchi è possibile contattare:
G.M.S.  asd
Indirizzo: via G. da Campione, 24c – 24121 Bergamo (Italy)
Telefono: +39 035 211721
Fax: +39 035 4227971
E-mail: info@felicegimondi.it
Sito web: www.felicegimondi.it

I NOSTRI PARTNER